Agroalimentare: Denominazione di dubbia origine

28 maggio 2009 – La Stampa (Torino)

Vino in polverina, formaggio senza latte, prodotti biologici agli Ogm. Tutti conformi alle norme europee. La colpa, denuncia La Stampa, è delle lobby dell'agroalimentare del Nord Europa. I paesi mediterranei, Italia in testa, vogliono che l'Unione sostenga di più l'agricoltura di qualità.

Per produrre una trentina di bottiglie di "Barolo", basta un "wine kit" – un cubo di cartone contenente cinque buste di polverina – e una ventina di giorni di pazienza. Un'aberrazione alimentare tra le tante ammesse dall'Unione europea e denunciate dalla Coldiretti nel corso di una recente iniziativa a Bruxelles.

La potente associazione di categoria italiana, racconta La Stampa, ha esposto in un albergo della capitale europea diverse di queste aberrazioni per rivelare al pubblico la quantità di prodotti che poco o nulla hanno a che fare con il nome riportato sull'etichetta. Oltre al vino in polvere, si trovano così "vini" fatti con mele, mirtilli e fragole, formaggi senza latte, succhi d'arancia senza arance o polli di dubbia provenienza.

A imporre questi prodotti sono le grandi industrie agroalimentari dei paesi del Nord – Germania, Francia, paesi scandinavi – che hanno una lunga esperienza di lobbismo presso le istituzioni comunitarie e riescono a far prevalere i loro interessi. Ai paesi mediterranei che, come l'Italia, non dispongono di simili risorse né di una cultura politica adeguata, non rimane che sollecitare la vigilanza dei consumatori.

Ci sono errori fattuali o di traduzione? Segnalali