Diplomazia: Come ottenere un seggio all'Onu

Il dipinto di Per Krohg nella sala del Consiglio di sicurezza dell'Onu. Foto: Onu
Il dipinto di Per Krohg nella sala del Consiglio di sicurezza dell'Onu. Foto: Onu
15 ottobre 2009 – La Stampa (Torino)

Con l'approssimarsi dell'entrata in vigore del trattato di Lisbona e dell'auspicata "unificazione" della politica estera dell'Unione europea, Bruxelles dovrebbe prepararsi a far sentire la propria voce anche in uno dei luoghi chiave degli equilibri internazionali: il Consiglio di sicurezza dell'Onu.

Lo sostiene l'ex ambasciatore italiano alle Nazioni unite Francesco Paolo Fulci, che in questo senso applaude la nuova coalizione di governo tedesca che secondo lo Spiegel intende rinunciare alla richiesta di un seggio per la Germania, preferendo ottenerne uno per l'intera Unione. Nell'attesa che si realizzi questa aspirazione, Fulci ha una proposta per far entrare l'Unione nel sancta sanctorum del palazzo di vetro: "Perché non si chiede ad uno dei paesi membri dell’Unione Europea che sono stati democraticamente eletti per un biennio al Consiglio di Sicurezza – attualmente è l’Austria – di ospitare nella sua delegazione in Consiglio un alto funzionario del paese che esercita la presidenza di turno dell’Unione?" È un metodo già utilizzato da Argentina e Brasile, che si scambiano la gentilezza ogn volta che uno dei due paesi siede in Consiglio. Perché l'Europa dovrebbe essere da meno? L'articolo originale de La Stampa...

Ci sono errori fattuali o di traduzione? Segnalali