Portogallo: Il miraggio dell’emigrazione

19 marzo 2012
Público Lisbona

Una via di Lisbona
Una via di Lisbona

Con la crisi non sono più solo i giovani con un’adeguta preparazione a cercare lavoro in Europa, ma anche intere famiglie povere e poco istruite. Molti si ritrovano presto a dormire sui marciapiedi.

L'espressione “emigrazione sciocca” è stata utilizzata dal rappresentante del Consiglio delle comunità portoghesi (Ccp) in Lussemburgo Eduardo Dias per descrivere la nuova ondata di immigrati nel paese centroeuropeo. Si tratta di coppie tra i 35 e i 50 anni, che partono insieme ai figli piccoli senza avere alcuna garanzia di trovare un lavoro, senza conoscere la lingua e illudendosi di poter trovare un impiego nel giro di poco tempo.

Il ritratto di questo gruppo di emigranti portoghesi, in forte crescita al fianco dei giovani qualificati che riescono ad affermarsi all'estero, trova riscontri in altri paesi europei: Regno Unito, Francia, Paesi Bassi, Belgio, Germania e – soprattutto – Svizzera. È proprio dalla Confederazione elvetica che è partito l'allarme, con il racconto di portoghesi che dormivano per strada rischiando il congelamento. La situazione non sembra destinata a migliorare nel breve periodo.

I dati sono molteplici e puntano tutti nella stessa direzione: il numero di portoghesi che abbandona il paese è in costante aumento. Alla fine del 2011 il responsabile delle Comunità portoghesi José Cesário ha ammesso che l'anno scorso tra i 100mila e i 120mila portoghesi hanno lasciato il paese. Nel portale Eures, dedicato alla mobilità professionale, le candidature portoghesi sono raddoppiate tra il 2008 e il 2011. I consolati registrano un forte aumento di portoghesi residenti all'estero: in due anni, tra il 2008 e il 2010, il loro numero è aumentato di 324mila unità.

Dalla sua casa di Zurigo Manuel Beja, presidente della Commissione sui flussi migratori del Consiglio delle comunità portoghesi e dei Consiglieri della comunità portoghese in Svizzera, osserva il flusso continuo di autobus carichi di suoi connazionali. La situazione, spiega, ha cominciato ad aggravarsi nel 2008. Due anni dopo Beja ha inviato i primi segnali d'allarme in Portogallo. “Il governo di José Sócrates ha reagito molto male: mi hanno addirittura definito un irresponsabile. È un peccato, perché anche se la situazione è difficile poteva comunque essere affrontata in un altro modo”.

Gli ultimi sei mesi hanno segnato un “cambiamento radicale” nella tipologia di portoghesi che emigrano nelle città svizzere. In Svizzera hanno cominciato ad arrivare le famiglie. Coppie non più giovani senza qualifiche, con debiti in Portogallo. “Disperati”. Alcuni si affidano a un contatto che si rivela inutile o del tutto inesistente. Altri non hanno nemmeno quello. “Da quando è scoppiato lo scandalo con il racconto dei portoghesi che dormivano nelle stazioni dei treni e nei rifugi per senza tetto, la situazione si è un po' calmata. Ma ora, con l'avvicinarsi della bella stagione, gli immigrati sono tornati ad aumentare”, spiega Beja.

Molti di quelli che si ritrovano nelle situazioni più estreme – senza denaro per mangiare, dormire o tornare in Portogallo – hanno chiesto aiuto alle missioni cattoliche sparse nei vari paesi europei. “Hanno cominciato a bussare alla porta della nostra missione in Svizzera”, spiega padre Francisco Sales, direttore dell'Opera cattolica delle migrazioni. “Non eravamo preparati, perché è un fenomeno molto recente. Stiamo provando a creare un meccanismo per aiutare queste persone”. Secondo Sales la Svizzera è “l’esempio più eclatante” di un'emigrazione fallimentare.

Sales spera che i portoghesi ancora convinti che l'Europa sia ricca di opportunità possano ricevere più informazioni prima di partire, ed è convinto che il messaggio debba arrivare alla popolazione dal pulpito delle chiese.

Cinquanta euro in tasca

Il caso più recente di un cittadino portoghese che si ritrova senza il denaro per tornare a casa dopo un tentativo fallimentare di emigrare risale alla settimana scorsa, e si è verificato in Inghilterra. Un muratore qualificato di 54 anni dormiva con la moglie in un'automobile. Partiti per Londra a gennaio, i coniugi hanno cercato in tutti i modi di trovare un impiego, ma senza successo. Luís Ventura, presidente del Centro portoghese di appoggio alla comunità lusofona, spiega che anche nel Regno Unito "la situazione sta diventando allarmante".

Da due anni si registra un aumento sostenuto e costante del numero di persone che arrivano in Inghilterra, spiega Ventura. Domingos Cabeças, dell’agenzia per l’impiego Neto di Londra, lo conferma con i dati: “Un tempo registravamo 20 o 30 iscrizioni al giorno, oggi sono 80/90. Sono in gran parte persone che non parlano inglese, senza esperienza e con poco denaro in tasca. È molto difficile trovar loro un impiego. Molti cercano un lavoretto breve per guadagnare i soldi per tornare a casa".

Secondo Ventura l’aspetto più preoccupante è l’assenza di qualificazione (associata al peggioramento della crisi in Portogallo): “Esiste un’emigrazione qualificata, ma molti altri non parlano la lingua, partono senza alcuna garanzia né capacità specifiche e finiscono rapidamente in una situazione di emergenza. Circa un mese fa abbiamo affrontato il caso di un uomo che è arrivato in aeroporto con 50 euro e un numero di telefono sbagliato. Si è ritrovato da solo a Londra, senza sapere una parola d’inglese".

Jorge Malheiros, ricercatore del Centro di studi geografici dell’Università di Lisbona, è convinto che nonostante “nessuno possa dire con certezza” quanti sono i portoghesi emigrati in altri paesi europei nell’ultimo anno, i dati parlano di “un’emigrazione portoghese più qualificata e giovane”.

Traduzione di Andrea Sparacino

Ci sono errori fattuali o di traduzione? Segnalali