Briefing: L'euro trema

13 luglio 2011 – Presseurop

A un anno dallo scoppio della crisi greca, l'eurozona è ancora sull'orlo del baratro. Né i 110 miliardi promessi da Ue e Fmi né il piano di rigore messo a punto dal governo Papandreou hanno migliorato la situazione finanziaria della Grecia. E ancora meno hanno convinto i mercati e le agenzie di rating, che hanno progressivamente aumentato la pressione. 

Dopo Grecia, Irlanda e Portogallo, passati al regime della carota del bailout e del bastone dell'austerity, ora anche Spagna e Italia sono scosse dai mercati finanziari. L'eventuale fallimento di uno dei due paesi rischierebbe di far crollare l'eurozona, con conseguenze politiche ed economiche imprevedibili. 

A Bruxelles, Francoforte (sede della Banca centrale europea), Berlino, Parigi e in tutte le capitali d'Europa i leader politici ed economici cercano disperatamente una soluzione: aumento del rigore? Solidarietà tra le nazioni? Cancellazione del debito? Contributo del settore finanziario? 

Tra gli appelli al federalismo e la difesa degli interessi (egoismi?) nazionali, i politici europei non sanno cosa scegliere. Terrorizzati dalla potenza dei mercati e delle agenzie di rating, sembrano incapaci di agire. Con il rischio che la situazione sfugga definitivamente al loro controllo.

Sullo stesso argomento

Crise économique Soleil noir

The Independent on Sunday, Londres

Crise de la dette A son aise

Corriere della Sera, Milan

Crise de la dette Couple impérial

The Sunday Business Post, Dublin

ZONE EURO Le Club Med

De Volkskrant, Amsterdam

Espagne Offrande

La Vanguardia, Barcelone

Crise de la dette La ronde infernale

NRC Handelsblad, Amsterdam

Grèce Confiance

De Groene Amsterdammer, Amsterdam

Economie Mère nourricière

Het Parool, Amsterdam

Crise de la dette Dans le coin

La Prensa, Panama City

Italie Dégradée

Corriere della Sera, Milan

Euro Périssable

The Guardian, Londres