Unione europea: Una difesa comune seria? Sì, nel 2020

3 agosto 2009 – Presseurop Die Presse

Cover

"120.000 soldati a disposizione entro 60 giorni, una flotta di elicotteri militari e aerei cargo per portarli sui luoghi di conflitto, un servizio di intelligence per valutare i rischi politici e militari delle missioni, e un budget di difesa comunitario per pagare tutto ciò: questo sarà, secondo l'Istituto per gli studi sulla sicurezza dell'Unione europea (IES) il cuore della politica di difesa europea nel 2020", scrive Die Presse.

Nello studio "Quali ambizioni per la difesa europea del 2020?", il think tank europeo insiste sul fatto che una diplomazia abile e un generoso sostegno finanziario per la ricostruzione e gli aiuti allo sviluppo non saranno sufficienti all'Europa per proteggere i suoi cittadini e di perseguire i propri interessi economici. All'Unione mancano i mezzi, scrive il quotidiano viennese. Il gruppo di intervento rapido da 60mila soldati, la cui creazione era stata decisa nel 1999 a Helsinki, non è mai stato formato. E i due gruppi tattici di battaglia da 1500 uomini non sono mai stati impiegati, sebbene in occasione di ogni missione europea ci si sia trovati concordi sulla "necessità di disporre di una forza in grado di intervenire contemporaneamente nel deserto africano e nei Balcani".

Ci sono errori fattuali o di traduzione? Segnalali