I titoli di oggi

18 luglio 2012 – Presseurop Süddeutsche Zeitung, La Stampa, Le Soir & altri 4

Nel suo rapporto sullo stato della giustizia in Romania, pubblicato dopo quello che il quotidiano definisce un “pericoloso colpo di stato a Bucarest”, la Commissione europea “prende atto che la democrazia romena è in pericolo” e chiede al primo ministro Victor Ponta di “correggere gli sviluppi più dubbi prima della fine dell’anno”.

Süddeutsche Zeitung, Monaco

L’Ue mette sotto sorveglianza la Romania

La regione autonoma ha accumulato un debito da 5 miliardi di euro a causa di un’amministrazione pubblica scriteriata. Il primo ministro Mario Monti ha chiesto al governatore Raffaele Lombardo, indagato per presunti legami con la mafia, di confermare le dimissioni annunciate a maggio. Monti non ha escluso la possibilità di un bailout da parte di Roma.

La Stampa, Torino

Sicilia sull’orlo del defaul

Per la prima volta il Belgio potrà finanziarsi su tre mesi a tasso negativo. Secondo il quotidiano il paese è diventato “un rifugio anti-crisi dell’euro” come la Germania, i Paesi Bassi o la Francia, anche se questo fatto tradisce il nervosismo degli investitori per le difficoltà di Spagna e Italia.

Le Soir, Bruxelles

Il Belgio, cocco dei mercati

La Corte europea dei diritti umani (Echr) di Strasburgo ha inviato una richiesta a Varsavia per scoprire se c’è stato un accordo ufficiale tra Polonia e Stati Uniti sulle prigioni segrete della Cia. Secondo rapporti indipendenti, negli anni 2002 e 2003 l’agenzia di intelligence statunitense ha operato segretamente nel nord della Polonia, dove interrogava e a quanto pare torturava presunti membri di Al Qaeda. Finora le autorità polacche hanno sempre negato l’esistenza delle prigioni della Cia.

Rzeczpospolita, Varsavia

Strasburgo chiede informazioni sull’accordo

Hsbc è accusata da alcuni politici americani di anteporre gli interessi commerciali alla lotta contro il riciclaggio di denaro proveniente dai cartelli della droga e dalle organizzazioni terroristiche di tutto il mondo. La più grande banca britannica permetterebbe a clienti legati alle bande messicane, ad Al Qaeda e ai regimi totalitari di Iran, Corea del Nord e Birmania di spostare denaro in tutto il mondo senza controlli adeguati.

The Times, Londra

Hsbc usata per “riciclare denaro del traffico di droga”

Dall’inizio dell’anno 40.625 spagnoli hanno lasciato il loro paese, il 44 per cento in più rispetto all’anno scorso. Tra le ragioni alla base del fenomeno ci sono “la crisi e le scarse prospettive d’impiego”. I nuovi emigranti, “tra i 18 e i 40 anni d’età e con una formazione universitaria”, partono principalmente alla volta del Regno Unito, della Francia e della Germania. Secondo le previsioni il numero degli emigrati raggiungerà quota 80mila prima della fine dell’anno.

La Gaceta, Madrid

La disperazione aumenta il numero degli emigranti

Antonín Holý, inventore del Truvada – attualmente il trattamento più efficace contro il virus Hiv e l’Aids – è morto all’età di 75 anni. Il chimico ceco ha lavorato all’Istituto di chimica organica e biochimica di Praga, l’istituzione scientifica più prestigiosa del paese.

Logo – Mladá Fronta DNES, Praga

Complimenti a un grande scienziato